Parashat Ki Tissà – Le capacità che rendono unico ognuno di noi

18/02/2022 0 Di wp_2089253

Ci sono aspetti del racconto della costruzione del Tabernacolo nel deserto che sembrano incredibili, tanto che alcuni critici tendevano a rifiutare a priori la sua accuratezza storica. Studiosi più recenti, citando possibili parallelismi antichi e moderni, hanno adottato un approccio più cauto. In ogni caso, due domande sorgono alla maggior parte dei lettori: Dove sono stati reperiti i materiali preziosi necessari per la costruzione? E poi, chi tra la gli ex schiavi in Egitto avrebbe posseduto le capacità necessarie per assemblare quei materiali per il Tabernacolo e per i suoi utensili? Una stima del fabbisogno di materiale includerebbe una quantità non specificata di legno di acacia, più di una tonnellata d’oro, più di tre tonnellate di argento e almeno due tonnellate e mezzo di bronzo, insieme a notevoli quantità di tessuti tinti, pelli di animali, pietre preziose, olio e spezie.


Per quanto riguarda il legno, le acacie crescono sporadicamente, se non in abbondanza, negli uadi del Sinai. Alcuni sostengono che prima dell’Esodo il Sinai era una foresta. La Torà spiega che l’oro e l’argento, e forse i tessuti, furono presi dagli egizi al tempo dell’Esodo (Shemot. 12,35–36; cf. 3,22 e 11,2). Il midrash ci spiega che le pietre preziose scesero insieme alla manna per essere raccolte e conservate per un uso futuro (Shemot Rabba 33:8).


La Parashà di questa settimana risponde alla domanda su chi potesse avere la capacità di costruire il Tabernacolo, annunciando la nomina divina del principale artigiano che realizzerà il grande progetto. D-o disse a Mosè: «Vedi, io ho chiamato per nome Betzalel, figlio di Uri, figlio di Chur, della tribù di Yehuda, e l’ho impregnato dello spirito di D-o, di sapienza, perspicacia, scienza e di ogni cosa del modo di fare artigianato” (Shemot 31:2–3). Betzalel è la persona giusta per il lavoro, ed è una meraviglia in più di un modo, come osserva Rabbenu Bechaye (seguendo Ramban). Sembra però strano che ci possa essere un esperto artigiano tra gli ebrei nel deserto dopo che furono ridotti in schiavitù in Egitto, consegnati ai lavori forzati e divenuti esperti di mattoni e malta. Non potevano aver fatto apprendistato e, anche se qualcuno fosse stato un esperto in qualche mestiere l’avrebbe dimenticato mentre era occupato con il lavoro in schiavitù. È quindi sorprendente che ci fosse una persona come Betzalel. Allo stesso modo, Ibn Ezra osserva che Betzalel e il suo compagno Aoholiav furono scelti perché tra gli ebrei non c’era nessuno come loro.
Per Ibn Ezra, individuare Betzalel “per nome” indica l’onore che gli è stato concesso per le sue capacità: Questo lavoro non sarebbe stato adatto a nessuno si cimentasse nella realizzazione del Santo dei Santi tranne che per qualcuno imbevuto di saggezza. Per Rabbenu Bechaye, l’evocazione di Betzalel per nome ha anche un significato mistico. Rabbenu Bechaye analizza così la dichiarazione di D-o a Mosè: “Vedi” questa grande meraviglia, che io convoco le generazioni fin dal principio, (cioè elenco la discendenza di Beztalel) e “ho chiamato per nome Betzalel figlio di Uri, figlio di Chur”, per discernere il segreto del Tabernacolo e dei suoi utensili e per essere immerso nella sua maestria. “Per nome” si riferisce letteralmente al nome di Betzalel, ma allude anche al Nome Divino. Questo suggerisce che BeTZALel fu emanato (ne’eTZAL) dal Grande Nome, come è regola per tutti i profeti.


Rabbenu Bechaye osserva, inoltre, che i doni che possiede Betzalel hanno un carattere particolare: I Chachamim spiegano nel Trattato di Berakhot 55a: Betzalel sapeva come combinare le lettere con cui furono creati il cielo e la terra. Qui è scritto: “L’ho infuso con lo spirito di D-o, con saggezza (chokhmà), perspicacia (tevunà) e conoscenza (daat) ” e altrove è scritto: “Il Signore fondò la terra mediante la saggezza (chokhmà); Egli stabilì i cieli mediante la comprensione (tevunà); Per la Sua conoscenza (daat) gli abissi si squarciarono e i cieli distillarono rugiada» (Proverbi 3:19–20). L’artista che “crea” il Tabernacolo – un mondo nel microcosmo – possiede parte degli stessi attributi metafisici mediante i quali D-o ha creato il mondo (chokhmà/tevunà/da`at, secondo i Proverbi). I soli doni metafisici non sono però sufficienti. Ibn Ezra osserva che la Torà completa l’elenco dei tre attributi divini con le parole “e ogni sorta di artigianato”. Betzalel quindi superava i suoi contemporanei nel conoscere ‘ogni tipo di artigianato’, poiché ci sono molti intellettuali che non conoscono un solo mestiere e ci sono individui dotati di grande saggezza che sono privi di abilità pratica Ci sono grandi storie, di geni che hanno trasceso i loro inizi poco promettenti e hanno raggiunto la grandezza grazie al talento puro. Più le loro storie sembrano incredibili, anche quando sappiamo che sono vere, più ragionevole è accettare l’idea secondo cui tali individui devono essere “imbevuti dello spirito di D-o”.


Betzalel è un dono di D-o per il popolo ebraico, e sebbene non abbiamo nessuna traccia fisica del Tabernacolo, il suo genio è stato perpetuato in questi versi. Il successo di queste peculiarità avviene anche grazie al contributo di D-o. Betzalel ci insegna che ognuno di noi ha delle capacità, delle abilità che lo rendono unico. Dobbiamo usare queste capacità per costruire e fare del bene e riconoscere la provenienza di queste nostre capacità, diventando quindi capaci di ricevere la benedizione di D-o che ci potrà portare a fare cose meravigliose per il bene di tutti

Please follow and like us:
Pin Share