Parashat Korach – Fiorire come un bastone

30/06/2022 0 Di wp_2089253

Nella Parashà di questa settimana, dopo l’episodio in cui Korach e i suoi seguaci mettono in dubbio la leadership di Moshè e la scelta di suo fratello Aharon come Kohen Gadol, Hashem ordina a Moshè di provare una volta per tutte che la scelta dei leader veniva da D-o stesso. Moshè doveva prendere un bastone con inciso il nome del capo tribù da ogni capo tribù. La tribù di Levi doveva avere un proprio bastone, sul quale doveva essere inciso il nome di Aharon. I bastoni dovevano essere collocati all’interno del Tabernacolo, nell’Ohel Moed, “E avverrà che l’uomo che sceglierò, il suo bastone fiorirà”. (17:16-20). Moshè fece come gli era stato detto e il giorno dopo, quando entrò nel Tabernacolo, scoprì che “il bastone di Aharon, della tribù di Levi, era sbocciato. Fece germogliare un bocciolo, germogliò un bocciolo e fece crescere mandorle mature. (17:23)” Moshè prese i bastoni e li mostrò al popolo, dimostrando così inequivocabilmente che era stato D-o stesso a scegliere Aharon come Kohen Gadol (Sommo Sacerdote).


Normalmente una pianta germoglia, fiorisce e alla fine produce frutti. Quando il frutto inizia a crescere, il fiore cade dalla pianta. Se il bastone di Aharon aveva già prodotto mandorle completamente mature, come facevano a sapere che erano prima germogliate e fiorite? Il Talmud (Yoma 52b) spiega che accadde che affinché gli ebrei potessero testimoniare che il bastone di Aharon era prima germogliato e fiorito, il fiore rimase sul bastone anche dopo che aveva già prodotto le mandorle. Il Ritvà spiega che, sebbene non vi fosse alcun uso pratico del fiore dopo che il bastone aveva dato i suoi frutti, questo è rimasto per aumentare la grandezza del miracolo avvenuto. (C’erano, ovviamente, molti altri aspetti di questo miracolo: i bastoni di solito non danno frutti, la velocità con cui le mandorle erano cresciute…).


Ci potremmo chiedere perché era così importante che gli ebrei testimoniassero il germogliamento e la fioritura del bastone. Il miracolo di un bastone che cresce dei frutti non era sufficiente?


Rav Moshe Feinstein scrive che D-o voleva che ci rendessimo conto che c’è valore non solo nel frutto, ma anche nei fiori e nei boccioli che lo producono. Il frutto è il prodotto finale, il risultato del processo di dissodamento, semina, irrigazione e raccolta. Normalmente giudichiamo il successo del nostro lavoro dal frutto che porta. Il processo attraverso il quale si ottengono i frutti è nel migliore dei casi secondario e di minore importanza. Nel contesto dei frutti effettivi, questo è in larga misura vero. Se, per esempio, gli agricoltori dovessero inventare un metodo per coltivare il grano senza prima dover dissodare la terra, non ci importerebbe molto, a patto che il prodotto finale non ne risenta. Non è così, tuttavia, per quanto riguarda la Torà e le mitzvot. I boccioli e i fiori sono lo sforzo che mettiamo nel fare una mitzva; Il tempo dedicato alla preparazione, l’energia e l’entusiasmo sono importanti quanto il frutto finale, la mitzvà stessa. .


Perché la Torà sceglie di insegnarci il valore dei “fiori e boccioli” qui, all’indomani della ribellione di Korach?


Forse parte dell’errore di Korach era che era troppo concentrato sul risultato finale. Rashi spiega l’obiezione di Korach: “Abbiamo tutti assistito a quanto accaduto sul Sinai!” In senso stretto Korach aveva ragione; Non c’era alcuna differenza essenziale tra l’esperienza di Moshè e quella degli altri, tutti hanno sentito la parola di D-o direttamente, senza alcun intermediario. Il risultato finale, il frutto, è stato lo stesso per tutti. Per gli ebrei questo era però un dono. Avevano fatto poco per meritare la Rivelazione: Appena sette settimane prima, erano stati misericordiosamente salvati dalla schiavitù in Egitto e ora ricevevano la Torà tramite una Rivelazione diretta. L’esperienza di Moshè sembra simile a quella degli altri, ma è molto diversa. Moshè, in un certo senso, aveva lavorato per quel momento per tutta la sua vita. Da giovane in Egitto aveva difeso gli schiavi ebrei. Era stato il messaggero di D-o, che aveva inflitto agli Egiziani le dieci piaghe. Aveva condotto il popolo fuori dall’Egitto e aveva diviso per loro il mare. Per Moshè, tutti questi erano preparativi per il dono della Torà. In un certo senso, i “frutti” di Moshè erano completamente germogliati e sbocciati, quelli degli altri erano solo “frutti su un bastone”. Quindi i “frutti” avevano tutti lo stesso sapore e lo stesso aspetto, ma in realtà non erano comparabili.


È facile che questo atteggiamento che oggi va per la maggiore penetri anche nella nostra Torà e nelle nostre mitzvot. Ci siamo abituati a ricevere tutto ciò che vogliamo su un piatto d’argento. Gli esempi sono infiniti. È così facile concentrarsi sul risultato finale che il rischio è quello di perdere di vista il valore di ciò che serve per arrivarci. In questo, il bastone fiorito della tribù di Levi ci insegna che anche quando il risultato finale, che è comunque importante, sembra essere lo stesso, maggiore importanza ha lo stesso risultato ottenuto tramite uno sforzo, tramite il volere fare le cose attraverso la crescita personale, l’arricchimento di noi stessi, senza dimenticare che arricchendo noi stessi contribuiamo ad arricchire anche chi ci sta intorno, ad influenzarlo, e diamo la possibilità anche al prossimo di vedere germogliare il suo bastone con i suoi frutti. La Torà ci insegna e ci dà gli strumenti per poter creare un giardino rigoglioso fatto di bastoni fioriti.

Please follow and like us:
Pin Share