Shavuot – Piantare i semi per crescere bene

03/06/2022 0 Di wp_2089253

Nella spiritualità, c’è un processo in tre fasi: L’hit’batlut (auto-annullamento o annullamento dell’ego), la devekut (attaccamento a D-o, cercare di avvicinarsi a D-o) e la nitz’chiut (acquisire l’eternità attraverso le nostre azioni e attraverso l’osservare le mitzvot). Questo processo in tre fasi descrive con precisione la progressione della crescita di un albero.

Dal momento che la Torà confronta esplicitamente le persone con gli alberi (Devarim, 20:19), è più facile capire che la Mishnà considera il giudizio sui frutti come un giudizio su di noi, come in una valutazione del fatto che siamo stati all’altezza o meno al potenziale di un albero. Nella prima fase della crescita di un albero, un seme viene posto nel terreno, dove inizia a disintegrarsi. Questo è letteralmente l’hit’batlut (auto-annullamento). Quando il seme si sfalda, diventa parte del terreno (devekut), attaccandosi completamente alla terra fino a diventare tutt’uno con essa. Da questo attaccamento alla terra, nasce un albero. Poiché la terra è eterna e l’albero sta crescendo da essa, in teoria potrebbe continuare a crescere per sempre (nitz’chiut). Questo è un potente simbolismo anche per noi. La parola makom (letteralmente, “luogo”) può riferirsi alla terra, ma è anche un riferimento ad Hashem (Bereshit Raba 68:9). Così, nello stesso modo in cui un seme nel makom dissolve lentamente la propria essenza, diventa uno con la terra e potenzialmente vive per sempre, anche noi dobbiamo imparare a metterci dentro il makom e annullare il nostro ego per avvicinarci ad Hashem e raggiungere la vita eterna. Portare frutta e fiori in casa a Shavuot dovrebbe quindi incoraggiarci a pregare, forse non tanto per gli alberi, ma per noi stessi, che siamo paragonati agli alberi. Siamo giudicati a Shavuot per quanto riguarda il grado in cui siamo riusciti a vivere uno stile di vita da albero.

L’unica descrizione di Shavuot nella Torà è come festa delle primizie; Non viene offerta alcuna spiegazione storica. D’altra parte, Pesach e Sukkot, a parte la propria identità agricola, sono descritte nella Torà come le feste che commemorano rispettivamente l’Esodo dall’Egitto e il soggiorno nel deserto. Apparentemente, la Torà intreccia la data agricola con una festa storica al fine di fornire un significato più profondo e accrescere l’esperienza religiosa dei contadini: I shalosh regalim erano legati al ciclo agricolo, oltre al significato storico e teologico di ogni festa, creando una fusione del regno fisico e del regno spirituale e una maggiore coscienza storica.Delle tre grandi celebrazioni, solo Shavuot rimane senza un chiaro nesso “storico”, fatto reso ancor più sorprendente dalla natura monumentale dell’evento accaduto nello stesso periodo dell’anno (inizio del terzo mese) nel deserto quel primo anno dopo aver lasciato l’Egitto: Il dono della Torà. È interessante notare che proprio nella festa di Shavuot, alla celebrazione delle primizie, ci viene comandato di pensare e agire come se la Torà fosse stata data proprio in quel giorno.

Ora sappiamo che, in effetti, lo era. Il nostro atteggiamento verso la Torà dovrebbe essere come se ci venisse data ogni giorno. Forse è proprio questo stato d’animo a  riportarci ai primi frutti: L’uomo che ha lavorato così duramente durante tutto l’anno ora ha i frutti del suo lavoro nelle sue mani. Sperimenta un senso di rinnovamento e di completamento. I primi frutti rappresentano un esempio vivente di come dovrebbe essere l’orientamento dell’uomo verso la Torà: Un senso di novità e freschezza unito alla determinazione a continuare, un riconoscimento del duro lavoro unito all’apprezzamento dei suoi frutti.

Sorprendentemente, la cerimonia che  accompagnava l’offerta di primi frutti includeva una rivelazione. Una Bat Kol, una voce celeste, che invitava l’uomo a continuare: Una voce celeste (Bat Kol) pronunciava con queste parole una benedizione su di lui (colui che portava in offerta le primizie) – “Hai portato i primi frutti oggi – avrai il privilegio di farlo anche l’anno prossimo!” [Rashi Devarim 26:16]

I temi della Rivelazione e delle primizie sono inseparabilmente intrecciati nella festa di Shavuot. La finestra tra il rivelato e il nascosto si apre per noi in questa singolare festa, e il contenuto e lo scopo della Rivelazione al Sinai, della Torà e dei suoi comandamenti, sono avvolti attorno agli aspetti agricoli più familiari e accessibili della giornata.Mentre offriamo i primi frutti del nostro lavoro fisico davanti ad Hashem, la generosità fisica con cui riceviamo le Sue berachot serve a ricordare il destino personale e collettivo che abbiamo accettato sul monte Sinai. In ultima analisi, la festa delle Primizie consisteva nel ricevere la Torà per tutto il tempo, nel mezzo e nel messaggio della Rivelazione. In questo senso, Shavuot non è solo una festa nella quale ricevere la Torà, ma ha qualcosa da insegnarci. Lavora sodo, pianta semi forti ed evita il tuo ego. Questo è il modo di accettare la Torà e le mitzvot ed è qualcosa che garantirà il futuro di Bnei Yisrael

Please follow and like us:
Pin Share