Le opportunità nella transizione

19/09/2021 0 Di wp_2089253

Le prime parole della Parashà di questa settimana “Porgete orecchio, o cieli, lasciatemi parlare; Ascolti la terra le parole che pronuncio!” (Devarim 32:1) ci riportano a Bereshit: “In principio D-o creò i cieli e la terra”. Quelle prime fondamenta che sono state create come parti iniziali della creazione hanno il ruolo di testimoni nello stabilire l’alleanza tra D-o e il popolo di Israele. Ciò che può essere percepito come sfondo al processo di creazione del mondo diventa una forza e una dimensione di eternità nella conservazione del rapporto che aleggia tra il tangibile e lo spirito. “Pertanto scrivi questo poema e insegnalo al popolo d’Israele; mettilo nella loro bocca, perché questo poema mi sia testimone con il popolo d’Israele». (Devarim 31:19) D-o comanda a Moshè e Yehoshua di insegnare questo poema, di dar da mangiare come una specie di pasto spirituale. La poesia è piena di metafore che portano ad interpretazioni attraverso molti livelli di significato.
Questa Parashaà fa parte dell’addio di Moshè al popolo d’Israele, prima della sua morte e prima che Yehoshua prenda il controllo e conduca il popolo nella Terra Promessa, ponendo fine a quarant’anni di peregrinazioni nel deserto. Questo è un momento critico di transizione, di preparazione alla transizione e al prossimo capitolo. Potremmo supporre che Moshè sia arrabbiato o amareggiato per le decisioni di D-o, ma, in una notevole dimostrazione di altruismo, Moshè abbandona i pensieri sui suoi bisogni personali e supplica disinteressatamente solo per il benessere della comunità. Le transizioni sono raramente facili e l’insediamento di un nuovo leader può essere piuttosto inquietante. Un paradigma per facilitare questa transizione è il messaggio senza tempo di Parashat Vayeilech. La Parashà termina con uno dei momenti più drammatici della vita di Moshè, quando D-o gli dice: “Sali questo monte Avarim, il monte Nevò, che è nella terra di Moav di fronte a Gerico, e guarda la terra di Canaan, che Io do agli Israeliti come loro possedimento”. (Devarim 32:49) Il monte Avarim, secondo molti un altro nome del monte Nevò, è diventato un simbolo di un’occasione mancata ma anche di un’opportunità per fare i conti con la fine di un periodo dopo il quale seguirà qualcos’altro. Shimshon Refael Hirsch, traduce Har Ha’Avarim non come le montagne di Avarim, ma come “la montagna di transizione”. La radice di Avarim è ayin, vav, resh, che può essere tradotta come incrocio o dall’altra parte. La traduzione di Hirsch come la Montagna della Transizione fa eco a ciò che dicono i Chachamim sul motivo per cui Avraham era chiamato Ivri, un ebreo, “perché tutto il mondo era da una parte e Avraham era Ever, dall’altra. Avraham ha dovuto passare dall’essere come tutti gli altri all’essere diverso. Così anche Moshè deve fare una transizione; la sua leadership era in movimento. Alla fine accetta il termine del suo mandato, permettendo alle persone di andare avanti, più vicine all’entrare nella terra. L’essere in uno stato di transizione continua nel Libro di Devarim. Partendo da Hirsch, possiamo leggere in Devarim 1:1, quando Moshè si rivolge a Israel beever ha-Yarden “al di là del Giordano”, come un altro momento di transizione, in uno spazio liminale.
Dopo Shemot, successivamente l’uscita dall’Egitto Moshè e gli ebrei lottano con la transizione: dall’essere schiavi all’essere un popolo libero. Era facile essere d’accordo sul fatto che la libertà dalla schiavitù sarebbe stata una cosa buona, ma era una lotta per imparare come sarebbe stata e come sarebbe stata quella libertà. Gli ebrei sono chiamati a riconoscere la Presenza Divina in mezzo a loro creando una società fondata sulla giustizia e tendendo al bene. Costruire e sforzarsi sono viaggi in corso. In Ekev, Moshè vuole che Israele crei dei rituali per interiorizzare questa lezione perché la vita è davvero piena di impegni ed è facile dimenticare la spiritualità; insegna la Torà ai tuoi figli; connettiti con il tuo cuore e la tua mente; incidetelo sugli stipiti delle vostre case e sulle vostre porte. Mantieni un senso di santità al centro mentre ti muovi attraverso il viaggio della vita.
Dal Monte Nevò, Moshè può vedere i prossimi passi ma non può entrare nella Terra d’Israele, paga per i suoi peccati e deve far posto alla prossima generazione di dirigenti. Muore sul Monte Nevò, mantenendo un profondo legame tra passato, presente e futuro. Nel poema di Parashat Haazinu, Moshè cerca di dire alla gente che il suo messaggio non appartiene solo al passato, ma è rilevante per il qui e ora e lo è anche per le generazioni future. La testimonianza del cielo e della terra è senza tempo.
I moadim sono un momento per cercare e dare perdono, un momento per rinnovare i nostri legami con il prossimo e per dare rinnovata attenzione a coloro in particolare che hanno bisogno di essere ascoltati. Si trata di un momento di transizione tra il passato e il futuro, un momento tra i più propizi per imparare dal nostro passato e per iniziare a costruire il nostro futuro, come singoli e come collettività Tra pochi giorni festeggeremo Sukkot, una festa che ci porta fuori dal comfort delle nostre case, a diretto contatto con il cielo e la terra. Abbiamo l’opportunità per affinare il nostro ascolto e aumentare la nostra attenzione alle voci nascoste all’interno delle nostre comunità, e per chiederci come possiamo agire meglio come individui e come società mentre entriamo nel nuovo anno.

Please follow and like us:
Pin Share