Parashat Vayakhel – Shabbat è democrazia

28/02/2019 0 Di wp_2089253

Nella Parashat Vayakhel ci si trova nel mezzo della costruzione del Mishkan, con istruzioni precise per il gruppo eletto e selezionato di artigiani che creerà il Mishkan stesso, gli oggetti che ospiterà e gli indumenti rituali. Nel mezzo di queste descrizioni dettagliate, Moshè raduna il popolo per impartire istruzioni su Shabbat. Sebbene questa non sia la prima discussione sullo Shabbat, una particolare proibizione che non si trova altrove viene qui approfondita. Generalmente, la Torà non specifica le attività specifiche proibite di Shabbat. I particolari delle leggi di Shabbat, le 39 categorie di attività creative che sono vietate, sono trasmesse principalmente attraverso la tradizione orale. La tradizione rabbinica ci insegna che le basi di tutte le leggi riguardanti l’attività creativa di Shabbat sono apprese da Parashat Vayakhel, poiché i particolari delle leggi dello Shabbat sono trasmessi nel contesto della costruzione del Mishkan. Il parallelo che questa giustapposizione crea va oltre le categorie di base dello sforzo creativo: implica un parallelo tra la creazione del mondo di D-o e la capacità dell’uomo di dare testimonianza a quella creazione e di produrre un microcosmo di quella creazione attraverso la costruzione del Mishkan .
I versetti di apertura di Parashat Vayakhel presentano il concetto della settimana lavorativa di sei giorni e la gravità della proibizione del lavoro creativo di Shabbat. L’affermazione “attaccata” a questa formula sembra insolitamente dettagliata, individuando il divieto di uso attivo del fuoco nel Shabbat. Questo specifico divieto è meglio compreso nei termini delle più ampie basi dello Shabbat come microcosmo o imitazione della creazione dell’universo di D-o. Bereshit racconta le origini della creazione, in primo luogo nella dichiarazione generale, “In principio D-o creò il cielo e la terra”, e poi con l’atto specifico della creazione: “Sia la luce”. Più o meno allo stesso modo, ci viene comandato in senso generale di osservare lo Shabbat, e quindi immediatamente comandato di desistere dall’usare la forza creativa del fuoco. In un senso molto reale, il nostro uso del fuoco, la nostra capacità di sfruttare l’energia, è la manifestazione primaria che l’uomo è creato a immagine di D-o. Nel riecheggiare l’atto della creazione, “Sia la luce”, possiamo persino illuderci nel credere che anche noi siamo dei. L’astenersi dall’ uso creativo di questo potere di Shabbat ci consente di riconquistare la nostra prospettiva.
Le attività creative da cui ci asteniamo di Shabbat fanno più che riadattare il campo di gioco in termini della nostra relazione con D-o, servono anche da grandi democratizzanti, permettendoci di riadattare anche la nostra prospettiva sociale. Un divieto in particolare, il divieto di trasportare materiale da un luogo a un altro, illustra in modo significativo questo aspetto. In un certo senso, queste due attività – sfruttare la potenza del fuoco e trasportare oggetti da un posto all’altro – sembrano diametralmente opposte. La prima è la realizzazione umana, trasformando sia l’oggetto a cui è applicato sia le nostre vite in generale; l’altra trasporta ma non trasforma. Rabbenu Tam, categorizzava il trasporto / trasferimento come una “debole attività creativa”. E qui sta il grande effetto democratizzante delle leggi dello Shabbat: le attività che stanno al culmine dell’attività creativa – usare il fuoco per cucinare o forgiare, scrivere o cancellare parole scritte, piantare o raccogliere, tingere, girare o cucire – sono uguali, agli occhi dell’osservanza dello Shabbat, all’attività creativa “più debole”, in cui un oggetto viene spostato da un luogo all’altro.
Nel creare il Mishkan, gli abili artigiani furono coinvolti nella creazione degli oggetti sacri e del Santuario – e anche i trasportatori e gli operai edili furono coinvolti in egual misura. Il loro contributo è stato valutato, il loro compito non meno santo. Allo stesso modo, agli occhi della legge ebraica, la produzione, il trasporto e la consegna sono tutti collegamenti nella catena del commercio, e sono quindi ugualmente proibiti di Shabbat. Il giorno di riposo vale anche per ogni lavoratore e ogni tipo di lavoro creativo.
Proprio come ogni ebreo aveva una parte nel Mishkan, così ogni ebreo ha una parte nella santità di Shabbat. E proprio come ogni legge riguardante le attività vietate di Shabbat, dall’attività “più debole” a quella “più forte”, hanno uguale importanza, ogni persona ha uguale importanza di fronte a D-o.

Please follow and like us: