Parashat Ki Tissà – Mezza moneta per unire

20/02/2019 0 Di wp_2089253

Nella Parashà di questa settimana, la Torà ci parla del Machatzit Ha Shekel (la mezza moneta in argento) che è stata donata da ogni maschio sopra i vent’anni. Tutte le offerte comui (Korbenot Tzibur) portate nel Bet HaMikdash dovevano essere acquistate con le nuove donazioni della mezza moneta di ogni anno, che. La Mishnà ci dice che per raccogliere una quantità sufficiente del nuovo Machatzit Ha Shekel entro il primo del mese di Nissan, veniva annunciato l’inzio della raccolta e l’inviato al Bet HaMikdash all’inizio del mese di Adar. Nella Meghillat Ester leggiamo che per sigillare il destino del popolo ebraico, Haman diede 10.000 talenti ad Achashverosh in modo che ogni uomo, donna e bambino ebreo venisse annientato. In cambio dei talenti d’argento, Achashverosh diede il suo anello ad Haman per inviare un proclama reale in tutto l’Impero Persiano riguardante la distruzione del popolo ebraico. La Ghemara nel Trattato di Meghillà si dice che prima di punire il popolo ebraico Hashem fornisce sempre l’antidoto per quella punizione in anticipo. La Ghemarà spiega che il comandamento di dare il Machatzit Ha Shekel, che è stato dato 1.500 anni prima del decreto di annientamento, era l’antidoto per i talenti d’argento che erano stati dati da Haman. In particolare, in che modo il merito del Machatzit Ha Shekel controbatte la trama di Haman per annientare il popolo ebraico?
La Torà ci dice riguardo all’obbligo del Machatzit Ha Shekel. “Al ricco non è concesso di dare di più e al povero non è concesso dare meno di una moneta d’argento”. Chiaramente la Torà richiede uniformità nel dare questa donazione. Si potrebbe pensare, come con qualsiasi altra donazione benefica, che sia ammirevole dare più dell’importo minimo. Tuttavia, in questo caso, la Torà ci sta dicendo in un modo molto specifico e distinto che solo la mezza moneta d’argento (Machatzit Ha Shekel) è accettabile per questa donazione. Il fatto che ogni maschio ebreo doni solo una mezza moneta d’argento e non una moneta intera è simbolico che ogni ebreo ha bisogno di completarsi a vicenda per creare unità (achdut). Il Machatzit Ha Shekel rappresenta il concetto di tzibur (comunità), l’unificazione del popolo ebraico. Una comunità non è una collezione di individui ciascuno con la propria prospettiva e direzione, ma piuttosto è un gruppo unificato con un punto di vista e un obiettivo comuni. Questo è rappresentato attraverso il Machatzit Ha Shekel dato per acquistare il Korban Tzibur (Offerta Comunitaria). Affinché un’offerta possa essere considerata un Korban Tzibur, deve essere acquistata con fondi comuni e non con individui che partecipano come partner. Una delle affermazioni di Haman nel parlare con Achashverosh contro il popolo ebraico è stata che “sono dispersi e frammentati tra la gente”. Alcuni commentatori spiegano questa critica per indicare che il popolo ebraico non era unificato ma piuttosto era frammentato e diviso che è l’antitesi di un “tzibur”.
Ora possiamo capire perché la mitzvà di Machatzit Ha Shekel fosse l’antidoto contro i diecimila talenti d’argento versati da Haman. Haman stava suggellando il nostro destino con l’affermazione che non c’era unità tra il popolo ebraico e il Machatzit Ha Shekel dato dagli ebrei fino alla distruzione del Primo Tempio. La mitzvà del Machatzit Ha Shekel significa l’unità del popolo ebraico costituendo un “tzibur”.
Il mese di Adar, che è stato proclamato attraverso la consegna del Machatzit Ha Shekel, è un mese che esprime la nostra unità. Haman voleva distruggere noi sulla base della teoria che non eravamo uniti durante questo mese. Ogni giorno nell’Amidà chiediamo a Hashem la benedizione per la riunione degli esuli che Egli dovrebbe radunare in – yachad (insieme) – dai quattro angoli della terra. Avremmo potuto chiederGli solo di radunarci dai quattro angoli della terra. Perché aggiungiamo la parola “yachad? La risposta è: siamo solo un popolo ebraico pienamente funzionante se siamo uniti con una prospettiva e un obiettivo comuni, solo allora meriteremo quella speciale relazione con Hashem.
Poiché il Secondo Beit HaMikdash è stato distrutto solo a causa della mancanza di unità che è indicata attraverso il sinat chinam (odio infondato), potrà essere ricostruito solo attraverso l’unità del popolo di Israele. Se siamo in grado di vederci l’un l’altro come individui che fanno parte di un’entità intera, il Klal Yisrael, avremo tutti la stessa prospettiva creando una comunità unita e armoniosa e la nostra redenzione sarà imminente.

Please follow and like us:
Pin Share