Parashat Tetzawe: Cosa ci dicono i vestiti?

13/02/2019 0 Di wp_2089253

In Parashat Terumà, letta la settimana scorsa, Moshè riceve le istruzioni per costruire il Mishkan. Ma il Mishkan avrebbe dovuto essere composto e mantenuto. Chi avrebbe eseguito i compiti previsti nel Mishkan? Chi avrebbe fatto il vero lavoro, il servizio pratico di D-o? Chi avrebbe fatto da intermediario tra D-o e il popolo? In Parashat Tetzawé, Aharon e i suoi figli vengono scelti per questo ruolo. La Torà descrive, in grande dettaglio, le divise speciali che indosseranno quando compiranno i loro compiti, ma l’abbigliamento è complicato; ha un duplice scopo. Mentre può identificare il ruolo o la posizione di chi lo indossa, può anche nasconderlo e oscurarlo. Le parole per l’abbigliamento usate in questa Parashà suggeriscono questa complessità: “Porterai avanti tuo fratello Aharon, con i suoi figli, tra gli Israeliti, per servirmi come kohanim: Aharon, Nadav e Avihu, Elazar e Itamar, i figli di Aharon. Crea abiti sacri (bigdei kodesh) per tuo fratello Aharon, per dignità e ornamento. (Shemot 28: 1,2). Viene usata la parola beged per l’abbigliamento (il plurale, bigdei, è usato nel versetto sopra). La radice di questa parola è la stessa della parola ebraica per tradimento, infedeltà, slealtà o tradimento. Queste non sono le parole che vorremmo associare al servizio divino. Alcuni versetti dopo la Torà elenca i vari paramenti, tra cui il me’il, un indumento esterno. La parola ebraica per questo articolo di abbigliamento condivide le sue radici con un concetto problematico: Me’ilah significa appropriazione indebita, o sacrilegio. Sembra quindi l’antitesi del servizio divino che i kohanim devono compiere.
Per comprendere e chiarire il ruolo del vestiario nel Mishkan, un luogo di purezza e perdono, dobbiamo risalire fino al primissimo indumento. Quando Adamo incontra per la prima volta sua moglie, la Torà ci dice che i due erano nudi, eppure non provavano vergogna (lo yitboshashu). (Bereshit 2:25) Mentre il testo attesta la loro nudità, in un certo senso, non erano nudi; la nudità implica un senso di imbarazzo, di umiliazione. Sarebbe quindi più corretto descriverli come spogliati. Quando Adamo ed Eva mangiano il frutto dell’albero proibito, diventano consapevoli della loro nudità e cercano disperatamente di coprirsi: poi gli occhi di entrambi furono aperti e si accorsero di essere nudi; e cucirono insieme foglie di fico e si fecero un perizoma. (Bereshit 3: 7). Coprirsi con foglie di fico non è la stessa cosa di indossare indumenti. Adamo ed Eva si sentivano più vulnerabili, più nudi, dopo essersi coperti di foglie di fico dopo il peccato, di quanto non sentissero quando erano completamente senza vestiti, prima del peccato. Avevano commesso un peccato: dopo una discussione con D-o, dopo aver tentato di negare la loro colpevolezza, furono esiliati ma beneficiano di un gesto imprevisto di compassione e gentilezza: E D-o Onnipotente fece indumenti di pelle per Adamo e sua moglie, e li rivestì (vayalbishem). (Bereishit 3:21). La parola usata in questo versetto, “vayalbishem”, ricorda la parola usata per descrivere la loro innocente, non imbarazzata nudità prima del peccato, “” yitboshashu “. Sostituendo le fragili foglie di fico con robusti indumenti di pelle, D-o li riveste di perdono e ripristina la loro dignità.Il versetto combina due Nomi Divini: l’Onnipotente, D-o del Giudizio e il nome di D-o come giudice.Il passaggio dall’essere nudi all’essere vestiti non è semplicemente avere un abbigliamento migliore e più appropriato L’abbigliamento è un’espressione della volontà di D-o di perdonare. Nello stesso momento in cui punisce, come un genitore che deve punire un bambino ribelle, D-o si prende cura di loro, nonostante quello che hanno fatto e nonostante ciò che è costretto a fare. Il nuovo abbigliamento aiuta a temperare i loro sentimenti di rifiuto e abbandono. È un ricordo tangibile che a D-o importa, anche dopo il loro peccato. Gli abiti da una parte simboleggiano il tradimento, la slealtà, l’appropriazione indebita e il disinteresse per l’unico comandamento che D-o aveva dato . D’altra parte, l’abbigliamento, fatto con amorevole cura da D-o che perdona, copre il loro imbarazzo e allevia la loro vergogna. Questa è la chiave per i vestiti dei kohanim e per il Mishkan stesso: Edificare il Mishkan, ci fornisce un posto dove noi, così pieni e contaminati dal peccato, possiamo avvicinarci e fare appello a D-o – chi è, allo stesso tempo, D-o del giudizio e D-o della Misericordia. I vestiti dei Kohanim ci ricordano che a D-o importa sempre di noi e nonostante le nostre trasgressioni, Egli copre la nostra nudità e rimuove la nostra vergogna.

Please follow and like us:
Pin Share