Parashat Mishpatim – Leggi arcaiche? Ripensiamoci

30/01/2019 0 Di wp_2089253

Per la maggior parte della storia, le persone sono state etichettate fin dalla nascita; spesso, chi nasce in un certo strato sociale lascia questo mondo nelle stesse condizioni in cui è nato. La mobilità tra classi e caste era rara, se non impossibile. Uno dei temi interessanti in Parashat Mishpatim è il trattamento dell ‘”altro”. I versi iniziali della parashà introducono il concetto dello schiavo ebreo. Più tardi nella parashà, si viene descritto il caso di un ladro che non è in grado di risarcire le sue vittime. Rashi spiega il caso dello schiavo ebreo collegandolo al caso del ladro: una persona diventa schiava a causa dei suoi crimini. Viene venduto in schiavitù per ripagare le vittime. Nei moderni sistemi giuridici, i ladri condannati vengono incarcerati. Il prigioniero, perde certe libertà individuali; è sostenuto dallo Stato e passa il suo tempo in compagnia di altri personaggi sgradevoli. Sebbene la prospettiva della detenzione possa servire da deterrente, spesso manca della capacità di riabilitare e l’incarcerazione non serve per rimediare al torto che la vittima ha subito. Al contrario, nel sistema penale descritto nella Torà, la vittima viene ricompensata con i fondi generati dalla vendita, che si trova in un ambiente da quale, si spera, può apprendere nuovi metodi per sostentarsi e nuove modalità di comportamento interpersonale. Questo sistema offre speranza per un vero cambiamento. Piuttosto che condannarlo in una cella dove corre un alto rischio di diventare un criminale incallito, l’autore del reato può essere riabilitato mentre lavora per ripagare il suo debito.
I lettori moderni hanno difficoltà a capire la parola “schiavitù”; Forse, il modo migliore per leggere questa parashà è guardare oltre il caso specifico e prendere un momento per apprezzare come queste leggi si traducono nella redistribuzione della ricchezza e nella possibilità di mobilità sociale.
Parashat Mishpatim ha anche qualcosa da dire sullo schiavo non ebreo, persona descritta come estranea sia in termini culturali che economici. Anche in questo caso, la Torà considera la schiavitù come un processo, non come un obiettivo. Lo schiavo non ebreo è sulla buona strada per la conversione; dal processo di schiavitù emerge come un ebreo a pieno titolo, con pieni diritti e privilegi. Inoltre, il “maestro” non può maltrattare fisicamente lo schiavo non ebreo. Se colpisce lo schiavo e causa danni fisici, allo schiavo viene concessa non solo la libertà, ma il pieno riconoscimento come ebreo. (Shemot 21: 20-27) Questa persona, che era stata in fondo all’ordine sociale, è trasformata in un convertito – e quindi merita dello status speciale offerto agli “ebrei per scelta” delineati in questa parashà: Non devi opprimere lo straniero, perché conosci i sentimenti dello straniero, essendo stato straniero nella terra d’Egitto. (Shemot 23: 9). Più e più volte, la Torà ci ricorda di entrare in empatia con gli estranei in mezzo a noi – ma questa è solo la punta dell’iceberg. Il Rabbino Moshe Alschech spiega questo insegnamento in un modo un po’ diverso: eravamo stranieri in Egitto; più di questo, eravamo idolatri. Culturalmente, religiosamente, economicamente e socialmente, eravamo il tipo di persone che i nostri sé attuali troverebbero riprovevoli. Ricordando che eravamo schiavi, estranei, intoccabili, siamo in grado di apprezzare che le persone hanno la capacità di cambiare, di superare la sofferenza della situazione contingente, delle circostanze attuali e di diventare qualcos’altro. Se siamo in grado di guardare oltre la stranezza dell’ordine sociale di Parashat Mishpatim, siamo in grado di vedere questo sottotesto molto contemporaneo: le persone possono cambiare. L’ordine sociale non è preordinato o immutabile. Vista attraverso un obiettivo diverso, forse Parashat Mishpatim contiene la materia prima per una versione ebraica di un finale da favola: una povera ragazza di una famiglia povera può diventare una principessa. I criminali disperati possono essere riabilitati e possono diventare membri produttivi della società. Lo straniero può diventare “uno di noi”. Essendo stati schiavi che diventano persone libere, essendo stati poveri e poi trovando la ricchezza, essendo stati idolatri che sono diventati ebrei, sappiamo che questa non è una favola.
Questa è la storia del popolo ebraico che fu liberato dall’Egitto. È la storia che ci viene comandato di interiorizzare e di insegnare ai nostri figli. È la storia del presente che siamo obbligati a ripassare continuamente per una società più giusta, per capire l’altro, per aiutarlo a realizzare insieme un obiettivo comune per l’interesse di tutti

Please follow and like us:
Pin Share