Parashat haShavua Vaychi – Cosa manca per essere grande?

18/12/2018 0 Di wp_2089253

“Reuven, tu sei il mio primogenito, la mia forza e il mio vigore iniziale, primo nel rango e soprattutto nel potere: l’impetuosità dell’acqua – non puoi essere il primo, perché hai montato il letto di tuo padre, poi lo hai dissacrato. ” Il Libro di Bereshit si conclude con le benedizioni di Yaakov ai suoi figli, tuttavia alcune di queste “benedizioni” consistono in un duro rimprovero. Questo è il caso del primogenito di Yaakov, Reuven – rimproverato per la sua irruenza che ha portato ad inquietare Yaakov. In quanto figlio maggiore, Reuven avrebbe dovuto ricevere i privilegi speciali della regalità , del sacerdozio e la doppia parte di eredità che spetta al primogenito. Tuttavia, a causa del suo comportamento impulsivo, Yaakov lo ha privato di tutti e tre i privilegi. La punizione severa di Reuven sembra difficile da capire; I Chachamim elogiano Reuven per aver fatto teshuva. Rashi in Parashat Vayeishev nota che Reuven non era presente durante la vendita di Yosef perché era isolato, indossava un sacco e digiunava per aver inquietato suo padre. La berachà di Yaakov venne impartita diversi anni dopo e Reuven si pentì continuamente per quello che aveva fatto. Data la sincera teshuva di Reuven, perché Yaakov non accettò il pentimento? Una chiave per rispondere a questa domanda è il Rambam nelle Leggi del Pentimento. Dopo aver discusso su come doversi pentire per i propri peccati, il Rambam aggiunge che esiste un altro aspetto essenziale della teshuva: “E non dire che c’è solo teshuva per i peccati che hanno un’azione come l’immoralità o il furto; proprio come ognuno deve pentirsi di questi, così anche deve cercare i tratti del suo carattere cattivo e pentirsi della rabbia, dell’odio, della gelosia … E questi peccati sono più difficili di quelli che comportano un’azione, perché quando una persona viene inghiottita in essi è difficile per lui astenersi [da loro].” Oltre al pentimento per le proprie azioni, si deve fare teshuva per i propri tratti caratteriali negativi, ed è più difficile pentirsi dei propri tratti caratteriali che delle cattive azioni. Il Gaon di Vilna sottolinea che ogni peccato deriva da un tratto negativo, quindi, quando una persona pecca, mostra contemporaneamente un carattere cattivo. Di conseguenza, ogni peccato richiede due livelli di teshuva: uno per l’azione e uno per il proprio tratto caratteriale che era alla radice del peccato. Reuven si è pentito per il peccato commesso, ma non è riuscito a cancellare il carattere negativo che lo ha portato a peccare. Questa risposta è supportata dalla spiegazione di Rav Chaim Shmuelevitz sul rimprovero a Reuven da parte di Yaakov. Basato sul commento di Rashi, sottolinea che Yaakov stava criticando in modo specifico l’ avventatezza di Reuven più che il peccato stesso. È stata questa imprudenza a rendere Reuven inadatto alla regalità e al sacerdozio. Rav Shmuelevitz fornisce come esempio di una grande persona che si pente per il suo peccato ma non per il suo tratto caratteriale in Shaul che ha perso la sovranità perché non ha osservato il comando di Hashem di spazzare via Amalek. Shmuel lo ha criticato per essere stato influenzato dalle suppliche del popolo di avere pietà di Amalek mostrando che possedeva un’umiltà fuori luogo che significava che non era abbastanza forte da seguire le proprie convinzioni. Dopo il rimprovero di Shmuel, Shaul ha ammesso il suo errore e si è pentito. Perché, allora è stato spogliato della sua regalità? Rav Shmuelevitz spiega che ha fatto teshuva per il suo peccato, ma non ha sradicato il suo tratto caratteriale che lo rendeva inadatto a regnare. Gli esempi di Reuven e Shaul sono molto importanti per le nostre vite. È lodevole cercare sinceramente di pentirsi dei propri peccati, ma se non si trova quello che sta alla fonte di questi peccati, non si sarà in grado di impedire di ricaderci. Il rimprovero a Reuven ci insegna che il fallimento nel migliorare i propri tratti può avere conseguenze molto serie. Reuven era destinato alla grandezza tuttavia la sua irruenza gli impedì di soddisfare il suo vero potenziale. I tratti negativi non solo causano il peccato, ma ci impediscono di raggiungere la grandezza. Fissare i propri tratti caratteriali richiede molto pensiero e discussione, ma la prima fase per ogni persona è riconoscere quale tratto negativo lo trattiene. Potrebbe essercene più di uno, ma spesso c’è un tratto principale che è alla radice di gran parte del comportamento negativo ed è il fattore chiave che trattiene dal realizzare il proprio vero potenziale. Dobbiamo rimuovere gli ostacoli che ci trattengono, lavorare costantemente per migliorarsi in modo genuino e profondo. Possiamo tutti meritare di essere persone veramente migliori. amen.

Please follow and like us:
Pin Share