Parashat Mikketz (Chanukkà) – Il Regno e la Luce

04/12/2018 0 Di wp_2089253

In una famosa Ghemarà, si descrive la situazione nel Bet HaMikdash ai tempi di Chanukkà, dopo la vittoria sui greci: C’era abbastanza olio per illuminare la Menorà solo per un giorno , ma si è verificato un miracolo, ed è durato otto giorni fino a quando non fu possibile preparare olio nuovo. (Shabbat 21a). Rav Yosef Karo, autore dello Shulchan Aruch, solleva una difficoltà: Poiché c’era olio sufficiente per un solo giorno, il miracolo avvenne per sette giorni. Perché furono istituiti otto giorni di Chanukkà per ricordare il miracolo? Una soluzione a questo problema può fornirla l’analisi dei miracoli: Sul piano fisico ci sono delle direzioni che descrivono le tre dimensioni del mondo fisico. Tutti gli oggetti occupano un certo spazio che può essere descritto dalle coordinate di queste dimensioni. Nessuna entità tangibile può uscire dai suoi limiti fisici. Consideriamo il mondo dei miracoli. La parola ebraica per miracolo è nes ma questa parola ha anche un altro significato: Installa il banner [nes] verso Tzion. (Yirmeyahu 4: 6) Ecco, io innalzerò la mia mano alle nazioni e metterò la mia bandiera [nisi] ai popoli. (Yeshayahu 49:22). Poiché tutte le parole ebraiche simili hanno lo stesso significato di base, possiamo dire che un miracolo è come uno stendardo: Si innalza perché tutti possano vederlo, così anche il soggetto del miracolo viene sollevato sopra i suoi confini fisici naturali. Un oggetto può funzionare nel suo ambiente, limitato dalle leggi della natura, oppure può liberarsi dei suoi limiti naturali attraverso un miracolo. Possiamo applicare quest’idea all’olio nella Menorà. Nel suo stato intrinseco, l’olio potreva fornire luce per un solo giorno ma si è verificato un miracolo, sollevandolo dalla sua condizione naturale, svincolandolo dalle leggi della natura. L’olio ha acquisito nuove proprietà e ha bruciato per otto giorni. Se fosse stato necessario, l’ olio avrebbe potuto durare più a lungo ma i miracoli persistono solo fino a quando sono necessari, quindi il miracolo finì appena disponibile altro olio. Per tutti gli otto giorni di Chanukkà, l’olio bruciò nella Menorà, ogni giorno era un miracolo separato; Per questo Chanukkà dura otto giorni. Usando questo concetto, affrontiamo un altro problema. Quando Yaakov si rivolse ai suoi figli alla fine della sua vita, parte della sua berachà per Yehudà fu: Lo scettro non deve discostarsi da Yehudà. (Bereshit 49:10). La famiglia reale fu assegnata permanentemente alla tribù di Yehudà. Al tempo del secondo Bet haMikdash, dopo il miracolo di Chanukkà, i Chashmonaim mantennero il controllo del regno, anche se erano kohanim. Questa contraddizione ebbe conseguenze dure, come spiega il Ramban: Questo spiega la punizione dei Chashmonaim, che regnarono ai tempi del secondo Bet haMikdash. Anche se erano pii e se non fosse stato per loro, gli ebrei avrebbero dimenticato la Torà e le mitzwot, furono puniti severamente. È difficile per noi immaginare come tali grandi leader, che hanno salvato gli ebrei, possano trasgredire un principio della Torà chiaramente affermato. Inoltre è ragionevole dire che i Chashmonaim hanno agito con il consenso del Sinedrio e, per estensione, dell’intero popolo ebraico, e non abbiamo prove che ci sia stata alcuna obiezione al loro regno. La Ghemara si riferisce ai vincitori come “la regalità della Casa dei Chashmonaim”, che implica che regnavano come re. Una risposta si basa sulla discussione precedente. Come per l’ olio, la vittoria nella guerra contro i greci fu un grande miracolo. I Chashmonaim hanno rischiato la vita, pronti a morire per la santità del nome di D-o e della Torà, grazie a un miracolo hanno vinto la guerra contro ogni previsione. Come l’olio, i Chashmonaim erano sollevati al di sopra dei loro confini e limiti fisici e non più soggetti alle leggi naturali. Moshe Rabbenu è descritto come: Un re in Yeshurun. (Devarim 33: 5). Quindi Moshe era un re, anche se era un Levi. La sua esistenza era spiritualmente così lontana dal resto di Israel da poter essere re senza trasgredire la direttiva di Yaakov. i Chashmonaim dell’ epoca di Chanukkà poterono regnare poiché la loro vittoria simboleggiava il rifiuto della dottrina greca a scapito della Torà, quindi anche loro furono elevati a grandi livelli di saggezza. I loro discendenti, mantenendo il trono erano in errore, non capendo che le circostanze erano diverse. Per questo motivo, come spiega il Ramban, i grandi Chashmonaim dovevano essere severamente puniti. Possa l’accensione delle candele di Chanukkà e delle candele dello Shabbat portare la vera luce nel mondo e cacciare le tenebre che avvolgono il nostro popolo in galut, amen.

Please follow and like us:
Pin Share